Classe Viva


3D

 

E' un kit ricevuto dalla Regione Lazio, finanziato con i Fondi europei ( comprendente una stampante 3D, uno scanner 3D, n. 15 tablet HUAWEI MediaPad M2 10.0 con relative SIM Card, piattaforma digitale "Scuolabook Network" dedicata e percorsi formativi destinati a Docenti e Studenti) e orientato a sostenere i processi di innovazione tecnologica e le competenze digitali.

Il progetto prevede anche un piano di formazione mirato, rivolto sia ai docenti che agli studenti e una piattaforma web per creare una rete digitale tra gli Istituti.
Un impegno mantenuto, ma soprattutto un tassello importante di un piano di sviluppo che vede nella crescita tecnologica e nella valorizzazione delle energie dei giovani una chiave decisiva per dare competitività alla nostra Regione. Per conoscere tutti i progetti che stiamo portando avanti per sostenere la scuola vai su: http://www.regione.lazio.it/rl/scuola/

STEM

 

Formazione
interna

  • Creazione di uno spazio sul sito scolastico dedicato al PNSD  ed alle relative attività realizzate nella  scuola.
  • Potenziamento ed ampliamento di buone pratiche realizzate nell’Istituto.
  • Introduzione al pensiero computazionale.
  • DOCENTI: Formazione base per l’uso degli strumenti digitali da utilizzare nella didattica. Formazione per l’utilizzo Google apps for education..
  • Certificazioni informatiche rivolte agli alunni.
  • Formazione personale ATA: informatica di base ed internet; navigazione in internet; PEC; archiviazione dei documenti digitali.
  • La sicurezza e la privacy in rete
  • Azione di segnalazione di eventi / opportunità formative in ambito digitale.
  • Partecipazione a bandi nazionali, europei ed internazionali.
  • Monitoraggio attività e rilevazione del livello di competenze digitali acquisite

 

Coinvolgimento della comunità scolastica

  • Creazione di uno spazio sul sito scolastico dedicato al PNSD  ed alle relative attività realizzate nella  scuola.
  • Utilizzo di  spazi cloud d’Istituto per la condivisione di attività e la diffusione delle buone pratiche (Google apps for Education).
  • Eventi aperti al territorio, con particolare riferimento ai genitori e agli alunni sui temi del PNSD (cittadinanza digitale, sicurezza, uso dei social network, educazione ai media, cyberbullismo)
  • Laboratori e worhshop STEM
  • Partecipazione nell’ambito del progetto “Programma il futuro” a Code Week e a all’ora di coding attraverso la realizzazione di laboratori di coding aperti al territorio. 
  • Partecipazione a progetti ed eventi nazionali ed internazionali        
  • Coordinamento con lo staff di direzione e le altre  figure di sistema.
  • Coordinamento e supporto delle Associazioni, Aziende di settore e rete di stakeolders.

Creazione di soluzioni
innovative

  • Attività didattica e progettuale con sperimentazione di nuove metodologie: classe capovolta e Google apps for education;.
  • Sviluppo di tecniche finalizzate alla realizzazione di video a 360°
  • Educazione ai media e ai social network; utilizzo dei social nella didattica tramite adesione a progetti specifici e peer-education.
  • Sviluppo del pensiero computazionale.
  • Ricerca, selezione, organizzazione di informazioni.
  • La cittadinanza digitale

 

 VISITA LE PAGINE DEDICATE ALLE SEGUENTI AZIONI DEL PNSD:

1) BIBLIOTECA SCOLASTICA INNOVATIVA #24 - "UNA BIBLIOTECA PER TUTTI"

2) STEM

3) #CODING

4) INTERNET DAY

5) AMBIENTI DI APPRENDIMENTO 4.0 

 

"AMICHE DI PASCAL"


“Mese delle Stem - Le Studentesse vogliono contare”,
più precisamente dall’8 marzo, Festa della Donna, all’8 aprile del corrente anno,
le scuole potranno animare e prevedere ogni tipo di attività scolastica
connessa a questo tema, anche in orario pomeridiano.

MIUR NOI SIAMO PARI  (PORTALE DELLE PARI OPPORTUNITA')

Le nuove tecnologie si sono sviluppate all’interno di un preciso contesto sociale, storico, economico e culturale e per questo ne portano l’impronta, attraverso pregiudizi, stereotipi e modelli sociali.  L’universo della tecnologia riflette il punto di vista della cultura in cui esse si sviluppano e possono per questo portare a forme di discriminazione nei confronti del genere femminile.

Proprio alla luce del legame tra tecnologia, società e genere, analizzando il rapporto delle donne con le  nuove tecnologie, il loro ruolo è stato messo  spesso da parte. Ripercorrendo in particolare lo sviluppo della tecnologia del computer, esso ha ricevuto un impulso determinante durante la seconda guerra mondiale, per rispondere soprattutto a bisogni e a interessi del Dipartimento della Difesa americano. In questo contesto, il linguaggio dei sistemi operativi e del software utilizzato dai calcolatori dell’epoca riflette la struttura e la cultura  dell’ambiente militare in cui si è sviluppato. Basta pensare a termini come “abort” o “execute” che fanno parte del gergo militare, che trasmettono potere e aggressività e nelle quali il genere femminile non si riflette.

 

 
 

Tuttavia, durante la seconda guerra mondiale tante matematiche americane furono coinvolte nello sviluppo dei programmi per il funzionamento dell’ENIAC (Elettronic Numerical Integrator and Calculator), considerato il primo computer elettronico.

Queste figure femminili sono state ultimamente riscoperte ed è stato riconosciuto il valore dei loro contributi. Nella storia del computer e in generale negli ambienti scientifici e tecnologici, la marginalizzazione della presenza femminile diventa sempre più significativa nel momento in cui, a cominciare dagli anni ’60, intuendo le potenzialità del computer, il governo americano ha cominciato a fare investimenti sempre più consistenti, riconoscendo così il prestigio e il valore sociale ed economico di certe professioni. L’esclusione del donne dal settore informatico, iniziata negli anni sessanta, perdura purtroppo tutt’oggi. Tenendo conto anche del fatto che l’iniziazione alle scienze e alla tecnologia  ha luogo nella scuola e che spesso i docenti sollecitano in tale direzione più i ragazzi che le ragazze, le donne risultano prediligere ancora un tipo di formazione umanistica e pertanto la loro presenza nelle facoltà tecniche e scientifiche  è piuttosto bassa.

E’ anche vero che, pure quelle motivate ed interessate alla tecnologia, intraprendendo percorsi di studio tecnici, si trovano spesso in ambienti piuttosto ostili. L’inserimento delle donne all’interno di corsi tecnici è infatti particolarmente difficile soprattutto per il fatto di trovarsi in classi composte quasi unicamente da studenti e docenti uomini. Anche nell’informatica spesso vengono marginalizzate le donne, soprattutto se si pensa all’utilizzo del computer come strumento di divertimento dei ragazzi attraverso i video giochi che si rivolgono maggiormente ad un pubblico maschile, interpretando guerre, battaglie, partite sportive e gare automobilistiche. Il sapere tecnologico sembra pertanto essere costruito sull’immagine maschile, ma non bisogna sottovalutare il contributo che le donne possono apportare allo sviluppo tecnologico, soprattutto per la creatività e affinché la tecnologia non sia uno strumento di potere ma di soddisfacimento di bisogni.

 

 Il progetto che vogliamo realizzare nella nostra scuola è quella di una mostra/museo all'interno dell'Istituto con foto e oggetti d'epoca, quali vecchi calcolatori, stampanti, etc.,  le cui caratteristiche possono essere visualizzate su un device attraverso l'utilizzo qrcode oppure tramite Rfid. Con lo stesso meccanismo, si può visualizzare anche un articolo di giornale collegato ad una particolare immagine. Tutto ciò per ripercorrere i momenti salienti che hanno portato al mondo dell'informatica di oggi, sottolineando il ruolo fondamentale delle donne, spesso dimenticate o sottovalutate. A tale proposito, è importante che la scuola rivesta il ruolo di educatrice affinché ragazzi e ragazze abbiano stesse opportunità di studio e in seguito di lavoro, entrambi motivati dalla conoscenza e dall’interesse che tale mostra può suscitare in loro.

 

A breve sarà possibile visitare, nel nostro sito, il Museo virtualmente, dove troverete
foto, articoli e video.

Sarà possibile prenotare visite guidate presso il nostro Istituto.

Nel mese di aprile verrà organizzato un worKshop sul tema "AMICHE DI PASCAL"
aperto a tutte le scuole che ne faranno richiesta

 

 

Museo: "Amiche di Pascal"

Allegati:
FileDescrizione
Scarica questo file (Avviso_Mese_Stem.pdf)Avviso_Mese_Stem.pdf 

INCONTRO CON LA POLIZIA POSTALE

11 FEBBRAIO 2016

 

Una vita da social, incontro sul cyberbullismo polizia postale con studenti di Terracina  LATINATODAY

 IL SAFER INTERNET DAY QUEST'ANNO SI TIENI L'11 FEBBRAIO RADIO LUNA NEWS
 

 

Stupendo spot belga sull'ingenuità della gente riguardo i propri dati in pasto ai social network.

Sottocategorie

laboratori mobili

Internet Day

Biblioteche Innovative scolastiche

STEM

Coding

laboratori innovativi professionalizzanti

IL BIANCHINI PER L'INCLUSIVITA'

Normativa BES/DSA

PROGETTI PER L’INCLUSIVITA’

 

AID Italia

 

 

AIDA Associazione

Portale Autismo

Fish Onlus

 

BES

Dislessia Amica


Siamo qui